Quello che sarebbe stato il Salone dell’auto 2020

A causa del Coronoavirus è stato annullato il Salone dell'Auto 2020. La novantesima edizione del Salone dell'Automobile sarà ospitata nel 2021 al Palaexpo di Ginevra, che grazie alla certificazione del''Organizzazione Internazionale dei Costruttori di Auto, si rivela essere l'unico Salone dell'Auto in tutta Europa ad essere riproposto ogni anno.
Dal 5 al 15 marzo infatti, il Salone di Ginevra 2020 si sarebbe trasformato in una elegante mostra espositiva dei centocinquanta migliori costruttori di automobili nel mondo, tutti riuniti per presentare al grande pubblico e ai professionisti del settore le novità e anteprime dei modelli che vedremo prossimamente su strada. Dovremo aspettare ancora un anno.

Il Salone dell'Auto è una kermesse rinomata e ambita dai costruttori di vetture, una vera occasione d'oro che ogni anno permette di dare visibilità alle proprie creazioni, mostrandole al grande pubblico con tutte le loro qualità e particolarità innovative. Data la maestosità e il pregio dell'evento, questo viene addirittura iniziato a preparare dell'ultimo giorno di apertura di manifestazione dell'anno precedente.

Aperto tutti i giorni dalle 9 alle 19 nel fine settimana, il Salone di Ginevra avrebbe portato nei padiglioni del Palaexpo tutte le ultime novità delle più note case automobilistiche, strizzando l'occhio alle tecnologie più evolute capaci di assicurare vetture dalle prestazioni sempre più eccezionali, ma con consumi ridotti.
Appuntamento quindi da segnare in agenda per l'anno prossimo per non rischiare di dimenticare quello che è senza dubbio l'evento internazionale per eccellenza per tutti gli amanti delle quattro ruote.

Le novità del Salone dell'auto 2020

La prima novità sarebbe stata il giorno di apertura dell'esposizione, il Media Day, i giornalisti accreditati avrebbero avuto a disposizione, rispetto agli anni precedenti, più strumenti con cui vivere e giudicare l'evento: grazie a un incremento di conferenze e una piattaforma digitale innovativa dedicata.

La seconda novità in programma sarebbe stata Discovery e mai nome fu più azzeccato: percorso di quasi cinquecento metri di estensione in cui il pubblico avrebbe potuto provare qualsiasi modello di automobile elettrica esposta nei padiglioni del Palaexpo.

La novità forse più interessante per chiunque sia appassionato del settore sarebbe stata sicuramente la possibilità di utilizzo della nuova applicazione per tutti i tipi di dispositivi: sia che abbiate ios oppure Android, che avrebbe permesso accesso in un attimo a tutte le informazioni e novità su evento e costruttori, foto e curiosità, ma anche accreditarvi per appuntamenti in cui è necessaria la registrazione, come ad esempio i test drive o il vip day che prevede la presenza di alti dirigenti, politici e rappresentanti in genere delle istituzioni.

Novità vetture 2020 che avremmo visto

Tra le probabili candidate alla loro prima apparizione al Salone dell'Auto, per il 2020 sarebbe previsto il debutto delle versioni ibride di Fiat e Lancia, ma anche di un nuovissimo modello di suv compatto dell'Alfa Romeo.

Dovremo aspettare ancora un po'...